20/12/2007 FUTURO PROSSIMO  
La storia di John Titor
QUARTA puntata

Quando ho incontrato mio padre è stato abbastanza semplice provargli chi ero. Adesso i miei genitori sanno perfettamente quello che sto facendo, perchè sono quì e quando ripartirò.

Per non complicare ulteriormente la situazione il piccolo Titor è tenuto all'oscuro del fatto che il misterioso ospite di casa sua sia lui stesso da adulto. John Titor, comunque, afferma che il rapporto con il suo se stesso da giovane, anche se ignaro della sua vera identità, è molto intenso, come se fossero un tutt'uno.

Nel 2000 la corvette è decisamente fuori moda e attira troppi sguardi. Così John decide di separarsene e affittare un pick up, il fuoristrada, più spazioso e robusto, è in grado di sopportare il peso della macchina del tempo senza problemi.

Per ovvie ragioni John Titor, durante le sue interminabili conversazioni in Rete, è stato sollecitato moltissimo dagli internauti con domande ben precise, riguardanti fatti e avvenimenti recenti e futuri. Il viaggiatore del tempo, però, ha voluto chiarire alcuni principi:

Non rivelerò informazioni che possano fornire un guadagno personale. Quindi, non darò indicazioni, o dritte di carattere economico o sportivo.

Non rivelerò informazioni che possano aiutare ad evitare la morte di qualcuno, quindi, non darò indicazioni su terremoti o bombardamenti.

Non rivelerò informazioni che possano compromettere future azioni di singoli individui o mettere a repentaglio le loro famiglie o il loro

Nella sua permanenza in Rete Titor si mostra molto disponibile invece, nel rispondere su domande che riguardano, in maniera generica, la società, la politica e l'economia del futuro.

size=2]D'ora in avanti, questo racconto seguirà la sceneggiatura di un video riportato dalla TV svizzera, curato da Luca Jaeggli e Davide Conconi, dal titolo: "Il mio nome è John Titor e provengo dal 2036". Un video, che trovo davvero ben fatto, coi tempi giusti, le musiche azzeccate ed un racconto che si snoda elegantemente e con furbizia nei risvolti più intricati di questa fantastica storia dei nostri tempi.

---------------------------------------------------------------------
TERZA puntata

Ancora una volta il viaggiatore dello spazio venuto dal 2036, proprio su Internet, sorprende col suo racconto, parlando di una situazione oggettivamente difficile da prevedere. Migliaia di siti dibattono sulla verità e sulla portata delle sue previsioni. In fondo, pare poco verosimile che John Titor sia al contempo un ingegnere dell'Ibm e un ricercatore di punta del Cern: il realizzarsi di quanto predetto aumenta considerevolmente la schiera dei convinti e la sua popolarità.

Con John Titor su Internet è nato un mito. Sono centinaia di migliaia i siti che si occupano di lui perchè il suo è un mistero che affascina.E' un viaggiatore reale, un burlone o fa tutto parte d'un qualcosa di più sofisticato, un battage pubblicitario ecommerciale per vendere ogni gadget possibile (magliette, medaglie, carte, riviste, documentari, penne...)?

Viaggiando a ritroso nel tempo non si percorre la propria linea temporale come se fosse il binario d'un treno, ma si sconfina inevitabilmente in un'altra dimensione, che è tanto più simile alla propria quanto più è ridotta l'entità del viaggio. Immagino che la differenza temporale tra questa "wormline" e la mia originale sia circa dell'uno o due per cento. Certamente più sto quì, più questa divergenza diventerà grande. Dal mio punto di vista ho già notato piccole differenze: eventi che avvengono in tempi diversi, partite di football vinte da altre squadre e cose del genere...

Secondo John Titor, avventurarsi a ritroso nel tempo sarebbe possibile grazie alle teorie della fisica quantistica sui mondi paralleli, che permetterebbero al viaggiatore del tempo, un certo margine d'errore nella cronologia delle previsioni fatte.

La storia di John Titor introduce alla teoria dei mondi paralleli. Ci sono varie teorie di universi paralleli... Uno dei casi più facili da immaginare è quello che in cui, ad esempio, ci sono stati dei Big Bang diversi, cioè creazioni di tantissimi universi, facendo sì che si ha un numero illimitato di universi. Pensiamo ad un mazzo di carte, noi abbiamo un mazzo di carte in cui le carte sono messe casualmente in un certo modo. Se abbiamo un numero enorme di mazzi di carte, sicuramente, uno di questi mazzi avrà le carte ordinate nello stesso modo di quello che abbiamo considerato per primo. E un altro mazzo invece sarà quasi identico ma avrà solo due carte spostate una rispetto all'altra. Come dire, in un universo parallelo, noi abbiamo tutto quello che ci circonda, perfettamente identico, solo che per esempio... la tua giacca è blu invece di essere rossa. Avendo grandi numeri, numeri grandissimi, avendo un universo, un'estensione infinita, noi possiamo contemplare tutte le possibilità, copie e copie quasi identiche o completamente diverse, cioè tutta la gamma è completamente diversa.

Proprio profittando di questa caratteristica dell'esistenza di universi paralleli, John Titor avrebbe approfittato per ritornare nel passato e vedersi bambino, senza però interferire nella realtà.

Secondo la teoria di Titor, lui sarebbe andato in un universo non identico al suo ma quasi... in cui lui si vede da bambino, anche
se non è lui stesso, ma è un bambino che ha tutte le caratteristiche sue e in questo caso avrebbe potuto interferire con qualcuno che era un quasi lui...

Disubbidendo a tutti gli ordini ricevuti nel 2036 John Titor si ferma nel 2000. Alimentando intensamente i forum di discussione in Internet, forse spera di fornire all'umanità i segnali necessari per poter vivere un futuro migliore del suo. Sembra cha anche il desiderio ad incontrare la sua famiglia e il se stesso bambino siano una delle ragioni che più spingono il soldato del futuro a fare tappa nel 2000. John Titor si spinge fino a rivelare la sua identità ai genitori che sembra lo abbiano accolto con sollievo e paura, malgrado lo shock iniziale, il paradosso temporale, la madre dice di aver riconosciuto immediatamente suo figlio. Titor prolunga la sua permanenza fino al 24 maggio 2001, quando annuncia ai suoi cari e al mondo d'Internet, il suo ritorno nel 2036...

Parte delle informazioni raccolte provengono da un documentario della Tv svizzera, curato da Luca Jaeggli e Davide Conconi, dal titolo: Il mio nome è John Titor e provengo dal 2036


Seconda puntata

A questo punto, l'uomo venuto dal futuro, ha completato con successo la sua missione. Purtuttavia, prima di riprendere la strada di casa, ritornare cioè nella
sua dimensione spazio del 2036, inspiegabilmente, decide di fermarsi nel 2000.


Grazie ad Internet John Titor fornisce precisi ragguagli tecnici riguardo la macchia del tempo alloggiata nel baule della sua Corvette. L'apparecchio, che sfrutterebbe studi avanzati sui buchi neri, ha un nome, un codice di modello e una società che lo costruisce. Parliamo della "Gravity distortion time displacement unit",modello C204, assemblata dalla General Electric soltanto a partire dal 2034. Le sue prestazioni attualmente ci sembrano incredibili: è in grado di viaggiare alla velocità di 10 anni all'ora avanti e indietro nel tempo, fino a 60 anni di distanza, soglia oltre la quale lo spostamento nel tempo diventa troppo rischioso.

Della Gravity distortion time displacement unit, Titor pubblica in Internet il materiale d'istruzioni, diverse fote ed alcuni schemi di funzionamento

Durante alcuni esperimenti gli scienziati del Cerncreeranno casualmente un piccolo buco nero. Questo piccolo black hole non assorbirà tutta la materia nelle sue vicinanze, ma al contrario, gli scienziati del Cern, utilizzando un campo elettromagnetico, riusciranno a contenerne le dimensioni e col passare del tempo a creare buchi neri involontariamente, anche di dimensioni più ampie. Così facendo si renderà possibile il viaggio nel tempo.

Alla fine del 2001, un anno dopo le affermazioni di Titor su Internet, il Cern annunciò ufficialmente la possibilità di creare in maniera artificiale dei piccoli buchi neri...

Su questi link è possibile visionare l'articolo cartaceo originale della rivista Focus N. 167 del settembre 2006:

Titor: l'uomo venuto dal futuro

Titor: l'uomo venuto dal futuro 2

Titor: l'uomo venuto dal futuro 3

Titor: l'uomo venuto dal futuro 4

----------------------------------------------------------------------------------
Prima puntata
Visto l'interesse che suscita John Titor, sarà bene ricominciare la sua storia daccapo, per renderla così più chiara a tutti coloro che vogliono sapene di più su questo viaggiatore del tempo e singolare fenomeno della Rete. La storia, ovviamente, sarà proposta a puntate... Questo è l'inizio

Salve, sono un viaggiatore temporale proveniente dall'anno 2036, sto tornando a casa dopo aver recuperato un computer IBM 5100 dall'anno 1975".

Con questa incredibile dichiarazione un uomo, che in un primo momento si firmò col nikname Timetravel_0 , e successivamente col nome di John Titor si è presentato in un Forum di discussione in Internet il giorno 2 novembre 2000. Sul momento nessuno ha voluto credergli, pensando che le sue parole fossero il frutto dei deliri di un pazzo, di un disadattato. Ma John Titor non se ne preoccupa e si manifesta in molte altre occasioni, raccontando la sua incredibile storia, nientemeno che il nostro futuro, alimentando in Rete un acceso dibattito fra convinti e scettici.

Sono nato nel 1998 e condivido con tutti voi alcuni ricordi d'infanzia. Ricordo di aver visitato Disney World a Natale e di aver passato le vacanze sulla spiaggia di Daytona. Sono un soldato del 2036 e sono stato inviato nel 1975 per prendere un computer sparito da decenni, l'IBM 5100. E' stato uno dei primi computer portatili prodotti ed ha la capacità di leggere tutti i codici Ibm scritti prima dell'uso diffuso di Apl e Basic.


Il sistema serve per risolvere il bug di Unix, previsto nel 2038.

Nel 2036 ci sono 7 viaggiatori temporali ma per questa missione è stato scelto lui, per lo stretto legame di parentela che ha con un personaggio chiave nello sviluppo dell'Ibm 5100: suo nonno.

John Titor dice di viaggiare nel tempo grazie ad una "Gravity distortion time displacement unit" cioè una macchina del tempo modello C204, che la General Electric costruirà solo nel 2034, installata nel baule d'una Corvette Cabriolet del 1966, per potersi meglio mimetizzare nel traffico del 1975.

Una volta approdato nell'anno 1975 John Titor incontra suo nonno. Per convincerlo della sua identità, il viaggiatore nel tempo rievoca alcuni ricordi comuni, conosciuti solo da una ristretta cerchia di familiari. Dopo un primo momento di smarrimento e scetticismo, il nonno, comprensibilmente commosso, gli offre tutta la collaborazione di cui ha bisogno, procurandogli il modello di computer all'origine della missione e qualche utile informazione sull'utilizzo ottimale del primo portatile Ibm da lui stesso ideato.


Fin quì John Titor dice di essere tornato indietro nel tempo per recuperare un particolare modello di computer 5100, non più disponibile nel 2036 da cui lui proviene, perchè questo computer ha delle funzioni (potendo tradurre tra loro i linguaggi informatici Unix, Apl e Basic), che consentono di riparare un problema che esiste nel 2036. Queste funzioni, conosciute e documentate solo da pochissimi tecnici dell'Ibm, sono state verificate, e all'epoca in cui John Titor ne parlava non ne sapeva niente nessuno, tranne, appunto, gli addetti ai lavori, di cui suo nonno ne era parte.

Come faceva John Titor a sapere di queste funzioni nascoste? O era un addetto ai lavori o era un viaggiatore del tempo?





Fonte: LV
 

Torna alle news della categoria "FUTURO PROSSIMO"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » Focus
 » Mexico news
 » Scidev.net
 » Science magazine
 » Stumbleupon
 » Aljazeera.com
 » SCMP
 » BBC news
 » Top News
 » Gulf Time
 » TheVergecom
 » ECO WATCH
 » FOURWINDS
 » Scubatravel
 » Newser
 » QUARTZY
 » Smithsonian magazine
 » Limes on line
 » gateway to victory...
 » Haaretz
 » Televideo RAI
 » Tecnologia e ambiente
 » Sustainable security
 » www.thenational.ae
 » Acqua
 »  Newspapers
Internet Public Library:
 » notizie dal Golfo
 » To day front page
 » Indian express
 » Nature world news
 » EBIBLE
 » ElvuxBiz
 » Global research
 » News.com.au
 » MongabayCom
 » Science world report
 » Pulse.com
 » www.greenleft
 » News10
 » Ecogeek
 » ifrepress
 » Reuters
 » Maktoob
 » Pravda
 » www.onlinenewspapers.com
 » www.newseum
 » Gazette Times news
 » WorldWatch
 » CIA
 » GeoHive: Global Statistics
 » Link the sunday post
 » Mappedup
 » Secret of the fed
 » Good net org
 » USA today
 » Africa journalism
 » French tribune
 » FOREST NEWS
 » Science magazine
 » jn1.tv
 » allvoices.com
 » whatsonxiamen.com
 » Greenprophet
 » Nydaily news
 » Business week
 » Tribune.com
 » Oneworld
 » pbs.org
 » Onearth.org
 » .business and leadership
 » Online.WSJ
 » News Yahoo
 » Spiegel online
 » somali peacemaker
 » Inter Press Service
 » Dagospia
 » ABC Article direct
 » Drudge Report
 » GLOBAL GEOGRAFIA
 » Diggita.it
 » TREE HUGGER
 » news africa
 » Informador
 » GIZMONDO
 » Reuters
 » Voa news
 » BBC mundo

FOCUS

Sito Online di Euweb